La Protesi di Anca per Via Anteriore

La Protesi di Anca per Via Anteriore

Protesi Totale d’anca per via anteriore

La definizione di chirurgia MINI-INVASIVA di anca non è più intesa come ridotte dimensioni della cicatrice cutanea ma una chirurgia che propone nuove soluzioni per la conservazione del  patrimonio osseo nel rispetto dei tessuti molli come muscoli e tendini i muscoli e dei tendini al fine di diminuire le complicazioni e ridurre i tempi di recupero.
La via d’accesso anteriore utilizzando strumentari appositi,come la navigazione ed impianti protesici dedicati  è stata proposta appunto considerando una logica mini-invasiva attraverso un approccio chirurgico basato sulla semplice divaricazione dei muscoli e non alla loro disinserzione.

Pregi della via anteriore nella protesi totale di anca:

·         Riduzione del rischio di lussazione grazie al risparmio muscolare

·         Minor perdita ematica (da rapportarsi alla durate dell’intervento)

·         Ripresa della completa funzionalità articolare più rapida nel post operatorio.

Difetti della via anteriore nella protesi totale di anca:

·         Rischio di stupor del nervo femoro-cutaneo laterale della coscia sensazioni di alterata sensibilità cutanea a livello prossimale della coscia.

·         E’una tecnica chirurgica non adatta a tutti i pazienti, pazienti obesi o pazienti con grosse masse muscolari non sono i candidati ideali per questa tecnica come pure situazioni di grave compromissione articolare come displasie o gravi artrosi

Dr Alfonso Manzotti, UO Ortopedia e Traumatologia,  AO-Polo Universitario Ospedale L. Sacco | Via GB Grassi 74, Milano | tel.0239043104
Copyright © 2013 - Web agency Gdmtech