Articles in Category: Articoli chirurgia ortopedica

Articoli chirurgia ortopedica mini-invasiva per anca, ginocchio e piede.

Protesi dell'anca

Protesi dell'anca

L’intervento di artroprotesi di anca è unanimemente riconosciuto come uno degli interventi ortopedici con più successo  ed in grado di garantire un immediato beneficio al paziente

I materiali nelle Protesi di Anca

I materiali nelle Protesi di Anca

Nella chirurgia protesica dell’anca la scelta della tipologia di protesi da impiantare deve basarsi su alcune considerazioni che comprendono sia il materiale, sia i fattori individuali del paziente sia la specifica preparazione del chirurgo. In particolare per quanto riguarda i materiali, la moderna tecnologia ha messo a disposizione del chirurgo e del paziente materiali innovativi a coefficienti di usura molto bassi ma al tempo stesso molto resistenti. Tuttavia per una migliore ottimizzazione dei vantaggi offerti è necessario conoscerne le proprietà e le migliori indicazioni di applicazione

L' utilizzo della Navigazione nella correzione delle deformità del Ginocchio

L' utilizzo della Navigazione nella correzione delle deformità del Ginocchio

Gli interventi di osteotomia correttiva del ginocchio dovrebbero essere eseguiti con grande precisione, in quanto, una ipo o una iper-correzione può comportare risultati clinici deludenti . L’entità della correzione del malallineamento, risulta essere il punto chiave per ottenere un risultato soddisfacente: è ben documentato come anche una piccola modificazione dell’asse meccanico può alterare la distribuzione del carico del ginocchio, portando risultati deludenti a lungo termine. Per ovviare a possibili errori di correzione, nel corso degli ultimi anni, sono stati fatti notevoli progressi nello sviluppo dei sistemi di navigazione applicati agli interventi d’osteotomia di ginocchio.  Questi  nuovi  sistemi hanno dimostrato di essere in grado di misurare con precisione il grado di allineamento intraoperatorio dell’arto inferiore, sia sul piano coronale che su quello sagittale fornendo preziose informazioni nel corso del procedimento chirurgico e consentendo un maggiore controllo del processo di valgizzazione dinamica intraoperatoria; ciò permette al chirurgo di ottenere il grado di valgismo desiderato

 

La Protesi Isolata di Femoro-Rotulea di Ginocchio

La Protesi Isolata di Femoro-Rotulea di Ginocchio

L’artrosi Femoro-Rotulea è una condizione comune rara ma con una frequenza,  in questi ultimi anni,  in progressivo aumento anche  in seguito a all’aumento delle richieste funzionali dei pazienti (“Knee abuser”)  ed  in esiti di gesti chirurgici precoci sulla femoro-rotulea come riallineamenti e/o ricostruzioni/lisi legamentose. Gia’ a partire dal 1950 alcuni autori hanno proposto in questi casi l’utilizzo di “miniprotesi” create appositamente solo per l’articolazione femoro-rotulea lasciando  così “indenni” gli altri comparti del ginocchio.  Ovvi i vantaggi ipotizzati come un risparmio osseo e legamentoso, mantenimento di una cinematica articolare”normale”, recuperi più completi e veloci e facile revisione nel caso di fallimento. Tuttavia i risultati fino ad ora ottenuti sono stai spesso contrastanti ma che, ad ogni modo, hanno spinto ad una continua evoluzione del design sempre più rispettoso dell’anatomia femorale e della biomeccanica articolare   con conseguente miglioramento sia dei i risultati funzionali sia della  sopravvivenza dell'impianto  fino ai più recenti design con risultati, nelle corrette indicazioni,  perlomeno sovrapponibili alle protesi.

La Protesi di Ginocchio "Instabile Dolorosa"

La Protesi di Ginocchio

I fallimenti “da instabilità” nelle protesi di ginocchio  hanno spesso come manifestazione culminante una protesi definita aspecificamente come “dolorosa” e sono spesso il risultato di uno scorretto bilanciamento tra una stabilità intrinseca dell’impianto protesico ed una stabilità “estrinseca” fornita dai tessuti molli del ginocchio.  Fondamentale è quindi capire, conoscere e classificare la situazione patologica del nostro impianto in modo tale da potere estrapolare un algoritmo di trattamento  basato sul principio” il minore vincolo del impianto è possibile quanto migliore è la stabilità estrinseca del nostro ginocchio”. 

Dr Alfonso Manzotti, UO Ortopedia e Traumatologia,  AO-Polo Universitario Ospedale L. Sacco | Via GB Grassi 74, Milano | tel.0239043104
Copyright © 2013 - Web agency Gdmtech